Pubblicazioni

La collaborazione tra EUT Edizioni Università di Trieste e Mattador è nata nel 2010 con la realizzazione del libro I set cinematografici nell’esempio della Friuli Venezia Giulia Film Commission, tesi di laurea di Matteo Caenazzo.
La fruttuosa collaborazione è continuata con l’ideazione di un progetto dedicato alla scrittura per il cinema: la nascita di una collana Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura che raccoglie le sceneggiature e i soggetti cinematografici originali ed inediti premiati o segnalati dalla giuria del Premio, oltre a contributi critici e approfondimenti intorno ai temi della scrittura per il cinema.

E’ in fase di realizzazione il settimo libro della collana che sarà presentato ad ottobre 2018.
I libri sono disponibili contattando MATTADOR e online al sito: www.eut.units.it

 

 

2017

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Il sesto volume della collana, pubblicato nel 2017, vede pubblicate per la prima volta, alcune sceneggiature per cortometraggio premiate nell’ambito di CORTO86. A fianco alla pubblicazione della storia per immagini vincitrice di DOLLY 2016, Don’t Stop Creating di Camilla Sicignano, alle sceneggiature Il Piano del Coyote di Luca Arseni e Giuseppe Brigante (vincitori del Premio MATTADOR 2016) e Timelapse di Pier Lorenzo Pisano (menzione speciale nel 2015), il libro presenta le sceneggiature per cortometraggio: e Tu? di Giorgio Salamone (vincitore di CORTO86 2013) e Bagaglio in Eccesso di Mariachiara Manci (vincitrice di CORTO86 2014).

Il volume è arricchito dagli interventi critici di Pupi Avati, regista, sceneggiatore, scrittore e produttore cinematografico, con una selezione della sceneggiatura di Festival, Donatella Leibanti, insegnante di lettere, con il saggio Il caso Billy Elliot, tra romanzo, film e successiva sceneggiatura, e Gianluca Novel, location manager FVG Film Commission e curatore del sesto volume, con un’intervista al regista Mirko Locatelli e alla sceneggiatrice Giuditta Tarantelli intitolata Riflessioni sugli ambienti e sulle potenzialità dello spazio: dalla scrittura al film. Il libro conta sull’introduzione di Pierluigi Sabatti, presidente del Circolo della Stampa di Trieste, sull’intervento di Giulio Kirchmayr, produttore esecutivo e coordinatore di CORTO86, con l’introduzione alla sezione dedicata ai corti Un giorno d’estate e su quello di Giuseppe Gori Savellini, direttore artistico di Visionaria Film Festival e coordinatore del progetto Visioni in Movimento (nato in collaborazione con Mattador), con Il cinema in cammino: Visioni in Movimento, mentre la postfazione è a cura del direttore della collana Fabrizio Borin.

 

 

2016

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Il quinto volume della collana, pubblicato nel 2016, introduce un’importante novità: una sezione dedicata a DOLLY “Illustrare storie per il cinema” con la pubblicazione della “Migliore Storia raccontata per immagini del Premio Mattador 2015”, Noa Noa di Chiara Ionta, presentata dal tutor della sezione, il concept designer Daniele Auber.

La sezione dedicata a Dolly è affiancata da due sceneggiature, Haifai di Riccardo Marchetto (Miglior Sceneggiatura Premio Mattador 2015) e The show must go on di Roberto Moliterni (Menzione speciale alla Sceneggiatura Premio Mattador 2014). Il libro è introdotto da Riccardo Caldura, docente di Fenomenologia delle arti contemporanee all’Accademia di Belle Arti di Venezia. All’interno della nuova sezione Archivio critico può contare sulla pubblicazione di un saggio, Nascondete questo découpage che non posso vedere! Lo strano caso di Dall’oggi al domani di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, 1997 di Martina Zanco, studiosa di cinema e letteratura di Ca’ Foscari e di un’intervista, Un bacio di Ivan Cotroneo. A proposito delle location, un anno dopo, a cura di Gianluca Novel, responsabile della Friuli Venezia Giulia Film Commission. Il volume è completato dalla postfazione del direttore della collana, Fabrizio Borin, da alcune foto di set del film Un bacio e un’appendice sul Premio Mattador.

 

 

 

2015

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2015, il quarto volume della collana diretta da Fabrizio Borin, presenta la pubblicazione di due sceneggiature di Mattador: Crisci Ranni di Giulio Poidomani, vincitore del 5° Premio Mattador e Non vedo, non sento, non parlo di Andrea Zuliani e Francesca Scanu, menzione speciale del 3° Premio Mattador.

Alla pubblicazione degli scripts sono affiancati due saggi: il primo Les visiteurs du soir, 1942 – Una sceneggiatura di Jacques Prévert di Gino M. Pistilli, curatore BAUM Università Ca’ Foscari di Venezia, e il secondo, tratto dalla Lecture della sceneggiatrice Laura Cotta Ramosino, Game of Thrones, game of Stories, le sfide narrative e produttive di un adattamento fantasy in tv. La prefazione è a cura di Armando Fumagalli, direttore del Master in Scrittura e produzione per la fiction e il cinema dell’Università Cattolica di Milano e la postfazione a cura di Gianluca Novel, responsabile della FVG Film Commission. Il libro è inoltre introdotto dai rappresentanti di prestigiose istituzioni, a testimoniare l’importanza che questa pubblicazione ha assunto nel tempo, come strumento culturale e di diffusione della sceneggiatura e del cinema, e come espressione del talento e della creatività giovanile nel settore e nel campo artistico.

 

      

Location – Casa per ferie “Faidutti” Bagni di Lusnizza, Malborghetto – Tarvisio (UD)

 

 

2014

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. A partire dal terzo libro (2014), alla pubblicazione degli scripts vincitori saranno affiancati saggi su sceneggiature di autori noti o molto noti. I testi proposti su questo numero sono quelli di Fabrizio Borin, docente di storia del cinema all’Università Ca’ Foscari, sulla sceneggiatura Zelig di Woody Allen e di Claudio Bondì scrittore, regista e docente di tv e cinema, su un testo scritto da Roberto Rossellini per la televisione francese. Lo scopo è quello di offrire all’attenzione di studenti e studiosi l’occasione di ricomprendere in un unico libro, le migliori prove dei giovani sceneggiatori Mattador – in questo volume le sceneggiature Maicol Jecson di Francesco Calabrese ed Enrico Audenino, menzione speciale al 1° Premio Mattador, ed Entela di Francesca Scanu, migliore sceneggiatura al 3° Premio Mattador – insieme alla riflessione su sceneggiatori-autori di nome del cinema non solo italiano.

Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

 

   

   

Still dal film Maicol Jecson, 999 Films

 

 

2013

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2013, il secondo volume della collana diretta da Fabrizio Borin, docente di Storia del cinema italiano all’Università Ca’ Foscari di Venezia, raccoglie le sceneggiature Istinti di Davide Stocovaz, vincitore del 1° Premio Mattador e Aquadro di Stefano Lodovichi e Davide Orsini, vincitori del 3° Premio Mattador. Il volume è introdotto da Annamaria Percavassi, direttore artistico Trieste Film Festival e presidente Comitato Consultivo Mattador, e conta sulla postfazione di Fabrizio Borin.Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

 

 

 

 

 

 

    

    

Still dal film Aquadro, Mood Film

 

 

2012

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2012, il primo volume della collana diretta da Fabrizio Borin, docente di Storia del cinema italiano all’Università Ca’ Foscari di Venezia, raccoglie i soggetti Jail Jazz di Paolo Ottomano e Il lavoro dell’attore di Pietro Seghetti e la sceneggiatura La mezza stagione di Danilo Caputo e Valentina Strada, vincitori del 2° Premio Mattador. Il volume, introdotto dal direttore di EUT, Mauro Rossi, e dallo sceneggiatore Andrea Magnani, conta sulla postfazione di Fabrizio Borin.

Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

 

 

 

 

    

     

Still dal film La mezza stagione, Taratata Film

 

 

2011

I set cinematografici nell’esempio della Friuli Venezia Giulia Film Commission.Pubblicato nel 2011, il volume è la narrazione della nascita e dello sviluppo delle Film Commission e del loro obiettivo di attirare le case di produzione nel territorio di competenza: incentrato sulla Friuli Venezia Giulia Film Commission, è arricchito da numerose fotografie di set cinematografici. Prima ricerca e formulazione di una mappatura interattiva dei set cinematografici nel Friuli Venezia Giulia, che ha contribuito a porre le basi storico-critiche per i successivi proficui sviluppi culturali di questi anni.

Consultabile online al sito
EUT Edizioni Università di Trieste

Sito del Premio Mattador

Sito della FVG Film Commission

 

 

 

    

    

Fotografie sui set cinematografici