MATTADOR NEWS

Il ventisettenne Riccardo Marchetto di Ferrara con Haifai è il vincitore della sezione sceneggiatura del 6° Premio Internazionale MATTADOR. E’ la storia di Sauro, ex-atleta e allenatore di nuoto alcolizzato, al quale viene offerta la possibilità di allenare Alberto "The Hi-Fi", un sedicenne affetto da sindrome di Down con una passione sfrenata per la musica rap.
Giacomo Caceffo, ventitreenne di Schio (VI) con Consigli pre-appuntamento dal futuro è il vincitore della sezione CORTO86, dedicata alla sceneggiatura per cortometraggio: un ragazzo in ansia per il suo primo appuntamento riceve preziosi suggerimenti da un amico venuto dal futuro.
Claudia De Angelis, ventitreenne di Caserta con King of the road, Camilla Buizza, venticinquenne di Brescia con Parla in silenzio, Sara Cavosi, ventiseienne di Roma assieme a Fabio Marson ventinovenne di Trieste con L’amor fu sono i vincitori della borsa di formazione Mattador. King of the road è la storia di un uomo che vende il proprio camion mantenendo il lavoro come camionista, la nuova realtà lo porterà lontano dalla moglie, dalla figlia, dalle proprie certezze. In Parla in silenzio, Manuel dodicenne padovano simpatizzante leghista, dalla pelle nera, insieme al nonno, duro e scorbutico, parte alla ricerca del padre di cui non ha mai saputo nulla. L’amor fu è infine il racconto di Asia, una donna che durante la veglia funebre di Salvo si chiude dentro la camera adente con l’intenzione di rivelare un fatto destinato a sradicare ogni certezza e a rivoluzionare la vita di una famiglia intera. Alla fine del percorso formativo il migliore soggetto riceverà il premio di 1.500 euro offerto dalla Provincia di Trieste.
Chiara Ionta, ventitreenne di Roma, con Noa Noa, una storia completa disegnata con cura e attenzione, e Pedro Dias, diciannovenne nato in Brasile e residente a Trieste, con Doppelgänger, un insieme di suggestioni dagli elementi narrativi complessi, sono invece i vincitori della nuova borsa di formazione Dolly.
Infine, Pier Lorenzo Pisano, ventiquattrenne di Napoli con Timelapse ha ricevuto una menzione speciale per la sceneggiatura, con una storia che parla di tre generazioni della famiglia di Antonio, appunti apparentemente disordinati, che danno una parvenza di disegno nella casualità della vita.

Comunicato stampa

Vimeo YouTube FaceBook Twitter Foto Rassegna stampa