Pubblicazioni

La collaborazione tra EUT Edizioni Università di Trieste e Mattador è nata nel 2010 con la realizzazione del libro I set cinematografici nell’esempio della Friuli Venezia Giulia Film Commission, tesi di laurea di Matteo Caenazzo.
La fruttuosa collaborazione è continuata con l’ideazione di un progetto dedicato alla scrittura per il cinema: la nascita di una collana Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura che raccoglie le sceneggiature e i soggetti cinematografici originali ed inediti premiati o segnalati dalla giuria del Premio, oltre a contributi critici e approfondimenti intorno ai temi della scrittura per il cinema.
La nuova collana Atti dei Convegni “I Dialoghi di Mattador”, inaugurata nel 2019 in occasione del Decennale dell’Associazione, nel suo primo volume raccoglie gli Atti del 1° e del 2° Convegno sulla Sceneggiatura. Nel secondo volume, presentato il 5 settembre 2020 nell’ambito della 77. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Spazio della Regione del Veneto – Veneto Film Commission, all’Hotel Excelsior del Lido, raccoglie gli Atti del 3° Convegno sulla Sceneggiatura.
Nel 2020 è stato pubblicato il catalogo della Mostra “10 Anni di Premio d’Artista Mattador”, presentato all’Apertura della dodicesima edizione del Premio, sabato 17 ottobre 2020, all’Auditorium del Museo Revoltella di Trieste. 
Realizzato nel corso del 2020, e in attesa di essere presentato nel corso del 2021, è anche  il volume 9 di Scrivere le immagini. Quaderni di Sceneggiatura.

I libri sono disponibili contattando MATTADOR e online al sito: www.eut.units.it

 


2020

Insieme al progetto della mostra è nata l’idea del catalogo “10 Anni di Premio d’Artista” 2010-2019, che oltre a raccogliere le opere dei dieci artisti – Serse, Sergio Scabar, Stefano Graziani, Massimo Pulini, Massimo Kaufmann, Luigi Carboni, Massimo Bartolini, Remo Salvadori, Hans Op de Beeck, Loris Cecchini – accanto a una selezione dei lavori di Matteo, contiene una serie di testi scritti da diversi autori che testimoniano l’unicità e l’originalità del Premio d’Artista. Le cartelle grafiche presenti nel volume sono una testimonianza di non poco conto di alcuni dei maggiori protagonisti dell’arte contemporanea nazionale e internazionale. Gli autori del Premio d’Artista Mattador appartengono al panorama di quei grandi artisti che hanno saputo reinterpretare il linguaggio del disegno, della fotografia, del video, dell’installazione. La scelta di lasciare traccia scritta del progetto rientra nel desiderio e nella volontà di Mattador di aggiungere un importante tassello all’interno di un percorso di creatività e di valorizzazione dei giovani talenti.
Il catalogo, pubblicato da EUT Edizioni Università di Trieste, è stato presentato il 17 ottobre 2020 in occasione dell’Apertura del 12° Premio Mattador all’Auditorium del Museo Revoltella.

https://www.openstarts.units.it/handle/10077/30855

 

Il 3° Convegno dal titolo“Le soglie della narrazione. Sugli incipit dei film e delle serie” si è svolto il 13 novembre 2019 nell’Aula Magna del DISU/UNITS a Trieste. Ideato e organizzato da Mattador e il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste, è stato curato da Fabrizio Borin (Università Ca’ Foscari Venezia) e Massimiliano Spanu (Università di Trieste).

A introdurre il convegno: Elisabetta Vezzosi (Direttrice DISU Università di Trieste), Pietro Caenazzo (Presidente Associazione Mattador), con la moderazione di Maria Carolina Foi (Università di Trieste) e Luciano De Giusti e gli interventi di: Fabrizio Borin (Università Ca’ Foscari Venezia, Direttore artistico Premio Mattador) con Il principio della fine: «L’arrivée d’un train en gare de La Ciotat» (Lumière) e «8 ½» (Fellini)Vinicio Canton (Sceneggiatore) con Chi ben comincia…Come cambiano gli inizi della narrazione visiva; Massimo Degrassi (Università di Trieste) Oltre le nuvole: incipit e strategie narrative nel cinema d’animazione giapponese; Paolo Quazzolo (Università di Trieste) con Dal palcoscenico allo schermo: gli incipit di «Macbeth»; Armando Fumagalli (Università Cattolica di Milano) con «Principio è ciò che non ha in sé nessuna necessità di trovarsi dopo un’altra cosa» (Aristotele, Poetica): esempi da film e serie TvFabio Finotti (Università di Trieste) con Alle soglie del labirinto: storie migranti tra narrativa, teatro e cinema; Anna Zoppellari (Università di Trieste) con Entrare nel testo filmico: il cineromanzo per Alain Robbe-Grillet; Paolo Labinaz (Università di Trieste) con La costruzione del common ground tra testo filmico e spettatore. Un contributo dalla pragmatica del linguaggio e infine Mirko Locatelli (Regista) con Dal corpo dell’attore al corpo cinematografico: l’incipit come testimone di una genesi.

https://www.openstarts.units.it/handle/10077/30855

 


2019

Nella ricorrenza del Decennale dell’Associazione, l’8° Quaderno propone un ricco e variegato panorama: insieme ai consueti testi dei ragazzi premiati nelle precedenti edizioni, è stata dedicata particolare attenzione alle giovani promesse con i loro soggetti cinematografici, nuclei narrativi in cui si possono trovare, in controluce, potenzialità di sviluppi per la scrittura più strutturata.

Il volume si apre con l’introduzione per Mattador di Laura Modolo e Pietro Caenazzo, seguito da un messaggio sul Decennale del Premio Mattador del docente di cinema e direttore artistico del Premio, Fabrizio Borin e da un “Invito al Museo” di Riccardo Caldura – docente di fenomenologia delle Arti e curatore della Mostra “10 Anni di Premio d’Artista Mattador”. Raccoglie le sceneggiature “Cono d’ombra” di Luca Mastrogiovanni e “Il poeta di varietà” di Alino Guerra , rispettivamente Premio Mattador al soggetto 2017 e Menzione speciale Mattador alla Sceneggiatura 2018 e i soggetti “Il borgo” di Mirko Ingrassia e Marcello Bisogno, “L’amor fu” di Sara Cavosi e Fabio Marson, E’ tutta colpa nostra” di Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi, “Cagnudei” di Alessandro Padovani. I lavori premiati da Mattador sono seguiti dai saggi critici di Mauro Rossi, con L’insetto con la macchina da presa: l’inquieta zoologia fantastica di un pioniere dell’animazione , di Fabrizio Borin con Una sceneggiatura geometrica di Samuel Beckett e con gli interventi degli sceneggiatori e tutor di Mattador Vinicio Canton con Sceneggiatori si nasce?Alejandro de La Fuente con Passi insieme e Alessandra Pastore con Veicolare il talento: la grande sfida dell’industria audiovisiva.

Preceduto da un’ulteriore intervento di Nives Zudić Antonić, si riconferma l’importante contributo della Friuli Venezia Giulia Film Commission con l’intervento del location manager Gianluca Novel, che propone un “dossier sulle produzioni cinematografiche e televisive sul territorio regionale”, affiancato da fotografie dei set e delle location del FVG e da interviste agli sceneggiatori e ai registi che le hanno realizzate.

 

Con la decima edizione del Premio nasce, in collaborazione con EUT, il nuovo progetto editoriale con una nuova collana che vede la pubblicazione degli Atti dei Convegni sulla Sceneggiatura “I dialoghi di Mattador”. Il primo volume è dedicato ai due Convegni inaugurali del 2017 e 2018.

Il 1° Convegno sulla Sceneggiatura: “Confronto sulla sceneggiatura” si è tenuto nell’ottobre 2017 a Trieste, nella Sala Tessitori del Consiglio regionale della Regione Friuli Venezia Giulia. Al confronto sulla scrittura per il cinema, affrontato da diversi punti di vista, hanno partecipato: Roberto Calabretto, docente Discipline musicali DAMS Università di Udine, Giampiero Rigosi, romanziere, sceneggiatore, direttore didattico Bottega Finzioni di Bologna, Marina Zangirolami Mazzacurati, responsabile didattica professionisti Master in Sceneggiatura “Carlo Mazzacurati” Università di Padova, Andrea Rocco, direttore Genova Liguria Film Commission, Stefano Bessoni, regista, illustratore, insegnante animazione stop-motion, coordinatore Progetto Dolly “Illustrare il cinema” del Premio Mattador.

Il 2° Convegno sulla Sceneggiatura: “Dopotutto domani è un altro giorno. Il finale dei film” si è svolto nel novembre 2018 a Venezia, organizzato da Mattador in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell’Ateneo. Il convegno è stato introdotto da Flavio Gregori, protettore Attività e rapporti culturali di Ateneo Università Ca’ Foscari e ha visto come relatori: Paolo Puppa, docente Storia del teatro e dello spettacolo Università Ca’ Foscari, Maurizio Careddu, sceneggiatore, coordinatore lettori e selezione lavori Premio Mattador, Marco Dalla Gassa, docente Storia del cinema Università Ca’ Foscari, Alberto Fasulo, regista, sceneggiatore, Roberto Ellero, critico cinematografico, giornalista.

 


2018

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Il settimo libro della collana, pubblicato nel 2018, propone le sceneggiature Titano di Vincenzo Cascone e Lorenzo Ongaro (vincitori del Premio MATTADOR 2017) e 100 di Ilaria Pedoni e Adriano Ricci (menzione speciale nel 2017). Il volume è curato da Donatella Leibanti, insegnante di lettere, con la presentazione di Pietro Caenazzo, presidente dell’Associazione Mattador, e l’introduzione di Maurizio Careddu, sceneggiatore e tutor di Mattador. Sono presenti due saggi, il primo di Mauro Rossi, responsabile di EUT, intitolato Storie senza parole: i romanzi per immagini di Frans Masereel, il secondo di Maria Pia Pagani, docente di Storia del teatro e dello spettacolo all’Università di Pavia, intitolato Eleonora Duse e lo schermo: progetti irrealizzati di scrittura filmica. Il libro è inoltre arricchito dal testo di Fabrizio Borin, direttore artistico della collana, dal titolo De-scrivere Venezia: soggetti felliniani, dalla Nota del Presidente della Fondazione Ananian di Trieste, Giovanni Damiani, dal contributo di Matteo Oleotto, direttore della Scuola di cinema senza sedie, su Visioni in Movimento FVG, e dal testo di Alberto Fasulo e Gianluca Novel, intitolato Appunti sul Menocchio di Alberto Fasulo. La postfazione è a cura di Marina Zangirolami Mazzacurati, organizzatrice della didattica del Master in Sceneggiatura “Carlo Mazzacurati” e componente della Giuria del Premio Mattador 2017 e 2018.

      

Visioni in movimento FVG – La scuola di cinema senza sedie – Spazio Mattador Trieste

 


2017

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Il sesto volume della collana, pubblicato nel 2017, vede pubblicate per la prima volta, alcune sceneggiature per cortometraggio premiate nell’ambito di CORTO86. A fianco alla pubblicazione della storia per immagini vincitrice di DOLLY 2016, Don’t Stop Creating di Camilla Sicignano, alle sceneggiature Il Piano del Coyote di Luca Arseni e Giuseppe Brigante (vincitori del Premio MATTADOR 2016) e Timelapse di Pier Lorenzo Pisano (menzione speciale nel 2015), il libro presenta le sceneggiature per cortometraggio: e Tu? di Giorgio Salamone (vincitore di CORTO86 2013) e Bagaglio in Eccesso di Mariachiara Manci (vincitrice di CORTO86 2014).
Il volume è arricchito dagli interventi critici di Pupi Avati, regista, sceneggiatore, scrittore e produttore cinematografico, con una selezione della sceneggiatura di Festival, Donatella Leibanti, insegnante di lettere, con il saggio Il caso Billy Elliot, tra romanzo, film e successiva sceneggiatura, e Gianluca Novel, location manager FVG Film Commission e curatore del sesto volume, con un’intervista al regista Mirko Locatelli e alla sceneggiatrice Giuditta Tarantelli intitolata Riflessioni sugli ambienti e sulle potenzialità dello spazio: dalla scrittura al film. Il libro conta sull’introduzione di Pierluigi Sabatti, presidente del Circolo della Stampa di Trieste, sull’intervento di Giulio Kirchmayr, produttore esecutivo e coordinatore di CORTO86, con l’introduzione alla sezione dedicata ai corti Un giorno d’estate e su quello di Giuseppe Gori Savellini, direttore artistico di Visionaria Film Festival e coordinatore del progetto Visioni in Movimento (nato in collaborazione con Mattador), con Il cinema in cammino: Visioni in Movimento, mentre la postfazione è a cura del direttore della collana Fabrizio Borin.

Consultabile online al sito
EUT Edizioni Università di Trieste

   

Don’t stop creating di Camilla Sicignano – “Migliore storia raccontata per immagini del Premio Mattador 2016”

     
Location – Isabelle di Mirko Locatelli

 


2016

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Il quinto volume della collana, pubblicato nel 2016, introduce un’importante novità: una sezione dedicata a DOLLY “Illustrare storie per il cinema” con la pubblicazione della “Migliore Storia raccontata per immagini del Premio Mattador 2015”, Noa Noa di Chiara Ionta, presentata dal tutor della sezione, il concept designer Daniele Auber.
La sezione dedicata a Dolly è affiancata da due sceneggiature, Haifai di Riccardo Marchetto (Miglior Sceneggiatura Premio Mattador 2015) e The show must go on di Roberto Moliterni (Menzione speciale alla Sceneggiatura Premio Mattador 2014). Il libro è introdotto da Riccardo Caldura, docente di Fenomenologia delle arti contemporanee all’Accademia di Belle Arti di Venezia. All’interno della nuova sezione Archivio critico può contare sulla pubblicazione di un saggio, Nascondete questo découpage che non posso vedere! Lo strano caso di Dall’oggi al domani di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, 1997 di Martina Zanco, studiosa di cinema e letteratura di Ca’ Foscari e di un’intervista, Un bacio di Ivan Cotroneo. A proposito delle location, un anno dopo, a cura di Gianluca Novel, responsabile della Friuli Venezia Giulia Film Commission. Il volume è completato dalla postfazione del direttore dellacollana, Fabrizio Borin, da alcune foto di set del film Un bacio e un’appendice sul Premio Mattador.

Consultabile online al sito
EUT Edizioni Università di Trieste

      

 

 

 

 

 

Noa Noa di Chiara Ionta “Migliore storia raccontata per immagini del Premio Mattador 2015”

 


2015

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2015, il quarto volume della collana diretta da Fabrizio Borin, presenta la pubblicazione di due sceneggiature di Mattador: Crisci Ranni di Giulio Poidomani, vincitore del 5° Premio Mattador e Non vedo, non sento, non parlo di Andrea Zuliani e Francesca Scanu, menzione speciale del 3° Premio Mattador.
Alla pubblicazione degli scripts sono affiancati due saggi: il primo Les visiteurs du soir, 1942 – Una sceneggiatura di Jacques Prévert di Gino M. Pistilli, curatore BAUM Università Ca’ Foscari di Venezia, e il secondo, tratto dalla Lecture della sceneggiatrice Laura Cotta Ramosino, Game of Thrones, game of Stories, le sfide narrative e produttive di un adattamento fantasy in tv. La prefazione è a cura di Armando Fumagalli, direttore del Master in Scrittura e produzione per la fiction e il cinema dell’Università Cattolica di Milano e la postfazione a cura di Gianluca Novel, responsabile della FVG Film Commission. Il libro è inoltre introdotto dai rappresentanti di prestigiose istituzioni, a testimoniare l’importanza che questa pubblicazione ha assunto nel tempo, come strumento culturale e di diffusione della sceneggiatura e del cinema, e come espressione del talento e della creatività giovanile nel settore e nel campo artistico.

Consultabile online al sito
EUT Edizioni Università di Trieste

      

 

 

 

 

 

Location – Casa per ferie “Faidutti” Bagni di Lusnizza, Malborghetto – Tarvisio (UD)

 


2014

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. A partire dal terzo libro (2014), alla pubblicazione degli scripts vincitori saranno affiancati saggi su sceneggiature di autori noti o molto noti. I testi proposti su questo numero sono quelli di Fabrizio Borin, docente di storia del cinema all’Università Ca’ Foscari, sulla sceneggiatura Zelig di Woody Allen e di Claudio Bondì scrittore, regista e docente di tv e cinema, su un testo scritto da Roberto Rossellini per la televisione francese. Lo scopo è quello di offrire all’attenzione di studenti e studiosi l’occasione di ricomprendere in un unico libro, le migliori prove dei giovani sceneggiatori Mattador – in questo volume le sceneggiature Maicol Jecson di Francesco Calabrese ed Enrico Audenino, menzione speciale al 1° Premio Mattador, ed Entela di Francesca Scanu, migliore sceneggiatura al 3° Premio Mattador – insieme alla riflessione su sceneggiatori-autori di nome del cinema non solo italiano.

Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

   

   

Still dal film Maicol Jecson, 999 Films

 


2013

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2013, il secondo volume della collana diretta da Fabrizio Borin, docente di Storia del cinema italiano all’Università Ca’ Foscari di Venezia, raccoglie le sceneggiature Istinti di Davide Stocovaz, vincitore del 1° Premio Mattador e Aquadro di Stefano Lodovichi e Davide Orsini, vincitori del 3° Premio Mattador. Il volume è introdotto da Annamaria Percavassi, direttore artistico Trieste Film Festival e presidente Comitato Consultivo Mattador, e conta sulla postfazione di Fabrizio Borin.

Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

 

 

 

 

    

    
Still dal film Aquadro, Mood Film

 


2012

Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura. Pubblicato nel 2012, il primo volume della collana diretta da Fabrizio Borin, docente di Storia del cinema italiano all’Università Ca’ Foscari di Venezia, raccoglie i soggetti Jail Jazz di Paolo Ottomano e Il lavoro dell’attore di Pietro Seghetti e la sceneggiatura La mezza stagione di Danilo Caputo e Valentina Strada, vincitori del 2° Premio Mattador. Il volume, introdotto dal direttore di EUT, Mauro Rossi, e dallo sceneggiatore Andrea Magnani, conta sulla postfazione di Fabrizio Borin.

Consultabile online al sito:
EUT Edizioni Università di Trieste

 

 

 

 

 

    

     

Still dal film La mezza stagione, Taratata Film

 


2011

I set cinematografici nell’esempio della Friuli Venezia Giulia Film Commission.Pubblicato nel 2011, il volume è la narrazione della nascita e dello sviluppo delle Film Commission e del loro obiettivo di attirare le case di produzione nel territorio di competenza: incentrato sulla Friuli Venezia Giulia Film Commission, è arricchito da numerose fotografie di set cinematografici. Prima ricerca e formulazione di una mappatura interattiva dei set cinematografici nel Friuli Venezia Giulia, che ha contribuito a porre le basi storico-critiche per i successivi proficui sviluppi culturali di questi anni.

Consultabile online al sito
EUT Edizioni Università di Trieste
Sito della FVG Film Commission

 

 

 

 

    

    

Fotografie sui set cinematografici